Dott. Francesco Maiorino

UROLOGIA

Il nostro specialista in urologia ed andrologia già operativo presso l’ospedale San Carlo di Nancy di Roma.
PRENOTAZIONE RAPIDA

Non dovrai aspettare mesi per avere la tua visita.

La segreteria ti confermerà l’appuntamento anche il giorno prima.

ECOGRAFO ECO-COLOR-DOPPPLER

Siamo attrezzati con un ecografo ecocolordoppler di ultima generazione. Non dovrai effetturare altri esami in altre strutture.

Se necessario avrai una diagnosi completa con un’unico appuntamento.

DA NOI COME A CASA

Per noi il paziente è al centro. Selezioniamo i medici anche in base alla loro attitudine ed empatia con i pazienti.

Vogliamo che la tua esperienza sia perfetta. Ti sentirai protetto come a casa e risolveremo il tuo problema.

Cosa include il pacchetto urologia?

Urologia

Differenza tra urologo e andrologo?

Urologia

L’andrologo è un medico specializzato nel trattamento e nella prevenzione delle patologie che riguardano la sfera sessuale e riproduttiva dell’uomo.

L’urologo, invece, si occupa di tutte le patologie a carico dell’apparato urinario (reni, vescica, uretere, uretra) sia maschile che femminile.

Nel nostro studio puoi effetturare entrambe le tipologie di visita con lo stesso specialista.

A cosa serve la visita urologica?

Tramite la visita urologica è possibile diagnosticare, escludere o controllare i disturbi di carattere urologico come ad esempio: l’iperplasia prostatica benigna, l’incontinenza urinaria, le infezioni e le calcolosi delle vie urinarie, i disturbi legati alle funzioni sessuali, le neoplasie, le infezioni genitali e le prostatiti nell’uomo.

Quando richiedere una visita urologica?

Sintomi che devono spingere a sottoporsi a visite urologiche sono:

urine torbide o che presentano sangue;

dolore durante la minzione e/o getti di urina deboli e ridotti rispetto al normale;

incontinenza urinaria (perdite involontarie di urina) e/o stimoli frequenti e urgenti ad urinare;

dolore lombare (noto come coliche renali);

calo della libido;

sangue nello sperma;

difficoltà di erezione;

infertilità;

presenza di anomalie (come dolori, gonfiori o protuberanze) nell’inguine o, per gli uomini, nello scroto e/o nei testicoli.

Sintomi come anoressia, nausea e/o vomito e prurito associati a un aumento del volume delle urine e/o la scomparsa delle urine devono spingere a rivolgersi immediatamente a un medico.

Sono fortemente consigliati anche controlli in assenza di sintomi, poiché patologie anche gravi come alcuni tumori possono presentarsi in modo asintomatico.

La prima visita urologica andrebbe effettuata intorno ai 12 anni e ci si dovrebbe sottoporre a controlli urologici frequenti, sia per le donne che per gli uomini, in presenza dei fattori di rischio, ovvero obesità, abitudine al fumo e familiarità con patologie urologiche o andrologiche. Per tutti gli uomini sopra i 45 anni sono consigliate visite urologiche a cadenza annuale.

Cos'è la visita andrologica

La visita andrologica è una visita specialistica, dedicata all’apparato genitale maschile, e permette di diagnosticare – in maniera non invasiva e indolore – eventuali disturbi di carattere andrologico (come disfunzione erettile, varicocele, frenulo breve, eiaculazione precoce) o di monitorare l’andamento di patologie precedentemente diagnosticate, per le quali il paziente è in cura.

Quando richiedere una visita andrologica

Una visita andrologica è consigliata quando si ha a che fare con sintomi come prurito o dolore ai genitali, arrossamenti o macchie, ingrossamenti dei testicoli, incurvamento o accorciamento del pene, ingrossamento delle mammelle o segnali che fanno sospettare la presenza di un problema alla prostata.

Quando controllare la prostata?

L’intervallo tra un controllo e l’altro varia in base a diversi fattori come età ed ereditarietà di alcune malattie.

E’ però possibile la seguente divisione:

Uomini con più di 50 anni: gli appartenenti a questa fascia d’età dovrebbero sottoporsi all’esame della prostata ogni anno o al massimo ogni due.

Uomini di età compresa tra i 45 e i 50 anni: chi fa parte di questa fascia d’età dovrebbe sottoporsi all’esame della prostata nel caso in cui siano presenti casi di tumore alla prostata in famiglia.

Minori di 40 anni: è estremamente raro che un ragazzo con meno di 40 anni presenti la necessità di doversi far controllare la prostata ma, anche in questo caso, se ci sono casi in famiglia di cancro alla prostata, conviene sempre fare una visita di controllo.

Cosa può includere il controllo della prostata?

Analisi del PSA: viene prescritto agli uomini per scoprire se c’è un ingrossamento della prostata e consiste in un prelievo del sangue. Il PSA è una proteina presente in minime quantità nel sangue e viene prodotta dalle cellule della prostata. In caso di tumore, l’antigene è a livelli elevati e la sua presenza è un campanello d’allarme del processo patologico.

Esplorazione digito-rettale della prostata: sottoporsi a questo tipo di esame non è particolarmente piacevole, dura pochi minuti e aumenta sensibilmente le possibilità di scoprire un carcinoma nella prostata in fase precoce. Consiste nella palpazione della prostata attraverso l’introduzione del dito indice del medico nell’ano del paziente.

Ecografia prostatica trans-rettale: si tratta di un esame per immagini della ghiandola prostatica. Tramite l’inserimento di una sonda nel retto, la macchina ecografica emette ultrasuoni ad alta intensità e a bassa frequenza nella zona interessata. Le onde sonore forniscono immagini dell’interno del corpo, che vengono immediatamente riportate nello schermo del pc. Durante l’esame il paziente è sdraiato su un fianco con le ginocchia piegate verso il petto.

Che cos'è l'uroflussometria?

L’uroflussometria è un test che misura il volume minzionale, la velocità del flusso ed il tempo richiesto per effettuare la minzione.

A cosa serve la uroflussometria? Il test è utile per la valutazione della funzionalità del tratto urinario e per verificare i risultati della terapia

Come prepararmi all'uroflussometria?

La preparazione richiesta al paziente è molto semplice: di solito il medico suggerisce di bere fino a un 1/2 litro di acqua non gassata nei 60-120 minuti precedenti all’esecuzione dell’esame. Di norma non si dovrebbe urinare nelle due ore precedenti allo svolgimento dell’esame, tuttavia è anche vero che il riempimento della vescica non deve essere eccessivo, altrimenti l’esame potrebbe risultare compromesso.

L'esperienza di chi si è già affidato a noi

Japsodan 93 AvatarJapsodan 93

Ragazze alla reception cortesi e super professionali. Mi sono recato presso il centro medico per una consulenza nutrizionale con la... leggi - 29/06/2021 

Alessia Murgia AvatarAlessia Murgia

Ho usufruito dei pacchetti nutrizione e ginecologico presso questa struttura. In entrambi i casi mi sono trovata molto bene.
La dottoressa...
leggi - 11/05/2021 

maria casale Avatarmaria casale

Eseguita visita ginecologica al nuovo centro di Aprilia. Devo dire che sono rimasta veramente molto soddisfatta della professionalità, gentilezza e... leggi - 07/05/2021 

Antonio AvatarAntonio

Posto pulito e ben strutturato, personale gentile e accogliente.
Il Dott. Berrafato mi ha messo subito a mio agio, scrupoloso nel...
leggi - 20/04/2021 

Silvia Vulpe AvatarSilvia Vulpe

Disponibilissimi , ti mettono nel tuo agio da subito, effettuato la visita ginecologica con la dottoressa Katya Santi molto... leggi - 08/04/2021 

Valeria Cozzi AvatarValeria Cozzi

Clinica nuova, personale gentile ed accogliente.
Ho fatto una visita con la dottoressa Padrone (nutrizionista) e mi sono trovata benissimo.
Molto cortese,...
leggi - 12/03/2021 

Richiedi un appuntamento, chiama al 06 9272 7607 per maggiori informazioni o compila il form.