fbpx

Gentile Signora, Gentile Signore,

nell’ augurarLe ogni buon esito diagnostico ed una serena presenza nella nostra Domus Igea, Le consegniamo, sottoponendola alla Sua attenzione, questa “CARTA dell’ACCOGLIENZA”, che ha lo scopo di fornire utili informazioni per la Sua interazione con noi.

Al fine di conseguire il corretto e funzionale svolgimento delle attività sanitarie è infatti necessaria la Sua collaborazione, della quale anticipatamente La ringraziamo. Il personale è disponibile per qualunque informazione e necessità connessa al Suo stato.

La DOMUS IGEA

La Domus Igea si occupa di Specialistica Ambulatoriale Multidisciplinare, alta diagnostica per immagini, riabilitazione fisioterapica ambulatoriale e/o a domicilio, formazione, innovazione, sviluppo e ricerca avvalendosi di Specialisti, Professionisti e Ricercatori di chiara fama.

SPECIALISTICA AMBULATORIALE MULTIDISCIPLINARE

Sono attivi i seguenti ambulatori specialistici:

  • OSTETRICIA e GINECOLOGIA, Dot.sa Katia SANTI;
  • DERMATOLOGIA, Dot.sa Alice CHIANTINI;
  • UROLOGIA, Prof. Franco GIALLO;
  • CARDIOLOGIA, Prof. Antonio BATTITO;
  • ENDOCRINOLOGIA, Prof. Pasquale IPOFISI;
  • ORTOPEDIA, Prof. Giuseppe SPACCALOSSO;
  • PNEUMOLOGIA, Prof. Rodolfo MANCALARIA;
  • CHIRURGIA VASCOLARE, Prof. Giuseppe ARTERIA;
  • FISIATRIA, Prof. Mario METRASCINO;
  • GERIATRIA, Prof. Antonio BISNONNO;
  • EMATOLOGIA, Prof. Dante VAMPIRIA;
  • MEDICINA DEL LAVORO, Prof. Mario BATTIFIACCA;
  • MEDICINA LEGALE, Prof. Franco BUSILLIS;
  • ALLERGOLOGIA, Prof. Luigi PONFI;
  • GASTROENTEROLOGIA, Prof. Ivano COCIMELOVO;
  • NEUROLOGIA, Prof. Antonio TREMORI;
  • PSICHIATRIA, Dot.sa Rossella COREA;
  • LOGOPEDIA, Prof. Mario MOTELODICO.

ALTA DIAGNOSTICA per IMMAGINI

  •  Ecografia;

TEST DIAGNOSTICI RAPIDI

  •  Test allergologici;
  • Prove audiometriche;
  • Test psicologici;
  • PAP Test.

ESAMI STRUMENTALI

  • ECG;
  • EEG;
  • Elettromiografia;
  • EcoCardio;
  • Eco Doppler;
  • Baropodometria avanzata co metodo Formetric 4d.

 

FISIOTERAPIA e RIABILITAZIONE 

  • Fisioterapia riabilitativa;
  • Ginnastica passiva;
  • Laser,
  • Tecar,
  • Magnetoterapia,
  • Elettroterapia,
  • Ionoforesi,
  • Ultrasuoni,
  • Kinetec,

 

PRENOTARE VISITE ED ESAMI

La prenotazione della prestazione desiderata avviene mediante il Call Center Prenotazioni, recandosi agli sportelli preposti o chiamando i numeri: 06.927.27.607 – 347.54.65.169

  • DAL LUNEDI AL VENERDI DALLE ORE 9,00 ALLE ORE 19,15
  • IL SABATO INOLTRE DALLE ORE 9,00 ALLE ORE 17,30

L’accesso agli ambulatori avviene obbligatoriamente con prenotazione avvenuta ed eventuale impegnativa (qualora la prestazione venga erogata in regime di convenzione col SSN) regolarizzata all’ufficio cassa.

RICHIESTA DI DOCUMENTAZIONE CLINICA

In qualsiasi momento sarà possibile richiedere al personale copia di un referto o della Cartella Clinica Ambulatoriale e/o Fisioterapica e/o Infermieristica.

Le fotocopie in copia conforme della documentazione sanitaria richiesta vengono rilasciate dalla Direzione Sanitaria della Domus Igea su richiesta dell’interessato.

DOCUMENTI PER LE PRESTAZIONI

Le ricordiamo che per qualsiasi prestazione è necessario presentarsi portando i seguenti documenti:

  • Documento di riconoscimento
  • Tessera sanitaria
  • Eventuale documentazione clinica precedente
  • Eventuale Impegnativa e/o richiesta del medico di famiglia

Al momento dell’accesso presso la Struttura e prima di sottoporsi a qualsiasi tipologia di prestazione, occorrerà dichiarare al personale della Reception se si CoVID-19.

IL PERSONALE

Nella Domus Igea incontrerà figure diverse di operatori sanitari quali: medici, infermieri, fisioterapisti, personale in formazione, dietisti, operatori tecnici addetti all’assistenza, ausiliari socio-sanitari, tirocinanti. Ognuno di loro è identificabile dalla divisa che indossa e dal cartellino dì riconoscimento. La Struttura è così composta:

Direttore Generale

Dott. Ivo LENCI

Direttore Sanitario di Struttura

Dott. Umberto REDI

Presidente del Comitato Scientifico di Struttura

Prof. Luciano RIDOLFI

 Coordinatore Operativo di Struttura

AFD DAI Amedeo CELLITTI

Equipe Medica

Indicata a pagina 2

Personale Infermieristico

Fisioterapisti

Fabio CARNEVALI

LE VISITE DEI MEDICI

La visita medica è un momento diagnostico e terapeutico fondamentale, ed è quindi assolutamente necessario rimanere a disposizione durante gli orari stabiliti dagli appuntamenti. Al di fuori di questi orari e/o in caso di attesa, Le è consentito uscire dalla Struttura rimanendo entro l’area della stessa; è comunque opportuno avvisare il personale alla Reception.

NORME COMPORTAMENTALI

La condivisione degli spazi con altri pazienti impone l’adozione di comportamenti adeguati e coerenti con il rispetto degli altri: mantenere in ordine e puliti i locali, parlare a bassa voce ed evitare quanto più possibile rumori, non utilizzare telefoni cellulari nelle zone dove si potrebbero creare interferenze con le apparecchiature elettromedicali, limitare la presenza di accompagnatori e/o familiari, rispettare la privacy dei pazienti con cui si condivide la sala d’attesa.

È assolutamente VIETATO FUMARE all’interno della Struttura: questo per disposizioni di Legge e, soprattutto per rispetto della salute propria e degli altri pazienti.

ALLONTANAMENTO DALLA STRUTTURA

Nel rispetto assoluto della libertà personale di ciascuno, il paziente che intende allontanarsi dalla Struttura perchè non più intenzionato ad usufruire delle prestazioni, senza dover fornire alcuna spiegazione è tenuto comunque ad informarne il personale alla Reception.

 

L’ASSISTENZA SOCIALE E SANITARIA

In caso di necessità, può essere richiesto da Lei o da un Suo familiare l’aiuto dell’assistente sociale e sanitario. Per ulteriori informazioni rivolgersi al Coordinatore Operativo.

ASSISTENZA A PAZIENTI NON AUTOSUFFICIENTI

I familiari e/o accompagnatori di pazienti non autosufficienti e/o con disabilità sono pregati di avvisare il personale della Domus Igea per tempo, all’atto della prenotazione della prestazione, al fine di permettere alla Struttura di accoglierli adeguatamente e predisporre eventuali ausili speciali.

 

Numeri utili

Call Center Prenotazioni: numero 347.54.65169.

Ufficio Amministrazione: 06.927.27.607

Presso il sito web della Domus Igea e/o presso la Reception è possibile prendere visione degli orari dei bus urbani ed extraurbani che collegano la Domus Igea con i vari punti della città e degli altri Comuni limitrofi.

IL VOLONTARIATO

La Domus Igea garantisce l’assistenza diretta ai pazienti con proprio personale qualificato. All’interno della struttura potrà essere presente personale appartenente ad associazioni di volontariato regolarmente autorizzate a effettuare particolari forme di assistenza, non riconducibili ad atti e interventi sanitari.

 

DIRITTO ALL’INFORMAZIONE

Le notizie riguardanti le Sue condizioni di salute sono di norma rilasciate dal personale medico nel corso delle visite e/o degli esami diagnostici, oppure negli orari di ricevimento indicati in ogni singolo ambulatorio.

Il personale sanitario è, comunque, a Sua disposizione per qualunque informazione inerente le cure, la durata delle terapie, le condizioni di salute, la dieta che deve essere eventualmente predisposta per una determinata patologia e ogni notizia utile per la sua guarigione. Il personale medico è inoltre tenuto ad informarla sulle procedure diagnostiche e/o terapeutiche a cui dovrà sottoporsi, dopo aver espresso il suo consenso. All’ingresso Le verranno chiesti i dati anagrafici e notizie riguardanti i Suoi trascorsi medici ( sia dal personale medico sia dal personale infermieristico) necessarie alla compilazione della Sua cartella ambulatoriale e Le verrà chiesto di autorizzare il trattamento dei Suoi dati personali mediante la firma di un consenso informato.

 

PRIVACY E CONSENSO INFORMATO

Il diritto alla dignità personale, alla riservatezza e alla privacy viene tutelato in ogni fase del percorso sanitario assistenziale.

A Sua tutela e a conferma delle informazioni ricevute,  potranno esserLe richieste sottoscrizione di consenso per trattamenti diagnostico – terapeutici e, per la privacy.

Se il paziente è minorenne o giudizialmente incapace, il consenso deve essere espresso dal legale rappresentante. E’ fatta eccezione per il paziente per il quale vi sia urgenza al trattamento medico, in condizioni psichiche che comportano incapacità di intendere e volere, temporanea o permanente.

In tali casi, il consenso non è necessario qualora si tratti di atti medici dai quali dipenda la salvaguardia della vita della persona o che, se rinviati o non eseguiti, determinerebbero un danno irreversibile.

DIRITTI E DOVERI DEL PAZIENTE

Il presente regolamento è conforme allo schema generale di riferimento della “Carta dei servizi sanitari” di cui al D.P.C.M. del 19 maggio 1995.

 

I DOVERI

  1. Il cittadino malato, quando accede ad una struttura sanitaria è invitato ad avere un comportamento responsabile in ogni momento, nel rispetto e nella comprensione dei diritti degli altri pazienti, con la volontà di collaborare con il personale medico, infermieristico, tecnico e con la direzione della sede sanitaria in cui si trova.
  2. L’accesso nella Struttura esprime da parte del cittadino-paziente un rapporto di fiducia e di rispetto verso il personale sanitario, presupposto indispensabile per l’impostazione di un corretto programma terapeutico ed assistenziale.
  3. E’ dovere di ogni paziente informare tempestivamente i sanitari sulla propria intenzione di rinuncia, secondo la propria volontà, a cure e prestazioni sanitarie programmate affinché possano essere evitati sprechi di tempo e risorse.
  4. Il cittadino è tenuto al rispetto degli ambienti, delle attrezzature e degli arredi che si trovano all’interno delle strutture sanitarie, ritenendo gli stessi patrimonio di tutti e quindi anche propri.
  5. Nella considerazione di essere parte di una comunità, è opportuno evitare qualsiasi comportamento che possa creare situazioni di disturbo o disagio agli altri pazienti (rumori, parlare a voce alta, radioline con volume alto, ecc.).
  6. Nella Struttura è vietato fumare. Il rispetto di tale disposizione è un atto di accettazione della presenza degli altri e un sano personale stile di vivere nella struttura stessa.
  7. L’organizzazione e gli orari previsti nella struttura sanitaria nella quale si accede, devono essere rispettati in ogni circostanza. Le prestazioni sanitarie richieste in tempi e modi non corretti determinano un notevole disservizio per tutta l’utenza.
  8. E’ opportuno che i pazienti ed i visitatori si spostino all’interno della struttura utilizzando i percorsi riservati ad essi, raggiungendo direttamente le sedi di loro stretto interesse.
  9. Il personale sanitario, per quanto di competenza, è invitato a far rispettare le norme enunciate per il buon andamento della Struttura ed il benessere del cittadino malato.
  10. Il cittadino ha diritto ad una corretta informazione sull’organizzazione della struttura, ma è anche un suo preciso dovere informarsi nei tempi e nelle sedi opportune.

 

I DIRITTI

  1. Il paziente ha diritto di essere assistito e curato con premura ed attenzione, nel rispetto della dignità umana e delle proprie convinzioni filosofiche e religiose.
  2. In particolare, ha diritto ad essere sempre individuato con il proprio nome e cognome anziché, secondo una prassi che non deve essere più tollerata, col numero e col nome della propria malattia.
  3. Il paziente ha diritto di ottenere dalla struttura sanitaria informazioni relative alle prestazioni dalla stessa erogate, alle modalità di accesso ed alle relative competenze. Lo stesso ha il diritto di poter identificare immediatamente le persone che lo hanno in cura.
  4. Il paziente ha diritto di ottenere dal sanitario che lo cura informazioni complete e comprensibili in merito alla diagnosi della malattia, alla terapia proposta e alla relativa prognosi.
  5. In particolare, salvo i casi di urgenza nei quali il ritardo possa comportare pericolo per la salute, il paziente ha diritto di ricevere le notizie che gli permettano di esprimere un consenso effettivamente informato prima di essere sottoposto a terapie od interventi; dette informazioni debbono concernere anche i possibili rischi o disagi conseguenti al trattamento. Ove il sanitario raggiunga il motivato convincimento dell’inopportunità di una informazione diretta, la stessa dovrà essere fornita, salvo espresso diniego del paziente, ai familiari o a coloro che esercitano potestà tutoria.
  6. Il paziente ha, altresì diritto di essere informato sulla possibilità di indagini e trattamenti alternativi, anche se eseguibili in altre strutture. Ove il paziente non sia in grado di determinarsi autonomamente le stesse informazioni dovranno essere fornite alle persone di cui all’articolo precedente.
  7. Il paziente ha diritto di ottenere che i dati relativi alla propria malattia ed ogni altra circostanza che lo riguardino, rimangano segreti.
  8. Il paziente ha diritto di proporre reclami che debbono essere sollecitamente esaminati, ed essere tempestivamente informato sull’esito degli stessi.

Dato ad Aprilia il 7 agosto 2021

Firmato: Il Direttore Generale

Dott. Ivo Lenci

 

Firmato: Il Direttore Sanitario di Struttura

Dott. Umberto REDI